Pisa – Valleverde Riccione 1-0

AC PISA 1909:(4-3-1-2): Lanni; Laezza, Macelloni, Fiasconi, Parenti; Vagnati, Caleri, Viviano; Porro; Nocciolini, Bonuccelli. A disp. Bercigli, Papa, Scarlato, Doveri, Chiesa, Cantoro, Francesconi. All. Paolo Indiani

VALLEVERDE RICCIONE: Bertozzi, Taraj, Mazzoli, Marini, Curti, Cavoli, Patrignani, Domini, Cangini, Pagliardini, Stefanelli. A disp. Palazzi, Bertoni, Paradisi, Mazzoli, Talossi, Merendino. All. Onorato

RETI: st 40′ Bonuccelli
ARBITRO: Loni di Cagliari
NOTE: Giornata calda, terreno in perfette condizioni. Oltre 5.000 spettatori sugli spalti.

Il Pisa non è avvezzo alle serie minori, e lo stadio, così come il suo pubblico, meriterebbe ben altri palcoscenici. Non così la squadra, che contro il Riccione ha faticato e non poco per vincere la gara, forse nemmeno meritandosi i tre punti in palio. E’ il Riccione infatti ad avere più gioco e le migliori occasioni, ma la sua punta Pagliardini, in giornata nera, sbaglia tutte le occasioni capitategli. Al 11’ Pagliardini si trova a tu per tu col portiere pisano che però non si fa ingannare e devia in angolo. Al 16’ un tiro di Pagliardini è ribattuto dall’estremo difensore, Stefanelli recupera e tira a botta sicura, ma viene nuovamente respinta e l’azione sfuma. Al 30’ circa ancora Stefanelli solo in area non trova la coordinazione e spreca un occasionissima. Nella ripresa al 1’ minuto Pagliardini in area non trova la porta e spedisce a lato. Al 40’, in una delle pochissime azioni offensive del Pisa, Talignani recupera una palla sulla tre quarti ospite, vede Bonuccelli a pochi metri dalla rete e lo serve per la deviazione vincente. Al Riccione capitano poi altre due occasioni, ma evidentemente per gli attaccanti è giornata no. Alla fine ha vinto l’esperienza dei giocatori del Pisa, abili a farsi trovare al posto giusto nei momenti importanti, mentre la furia giovanile del Riccione ha causato troppa imprecisione sottoporta.

Precedente Castel San Pietro – V. Castelfranco 0-1 Successivo Serie D, la Coppa Italia entra nel vivo.